Le Sette Sorelle: Mosca vs New York

Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Le Sette Sorelle sono un gruppo di grattacieli di Mosca particolarmente rappresentativi del classicismo socialista. Vennero costruiti tra il 1947 e il 1957, in un’elaborata combinazione di stile barocco elisabettiano e gotico con la tecnologia usata anche nella costruzione dei grattacieli statunitensi dei quali volevano essere la risposta staliniana.
Originariamente i grattacieli in progetto a Mosca erano otto, numero che avrebbe dovuto simboleggiare gli otto secoli della capitale (1147-1947); la torre Zaryadye, progettata dall’architetto Dmitrij Nikolaevic Ceculin, non fu però mai costruita.
Un ottavo grattacielo che richiama esplicitamente le forme dei primi sette fu invece realizzato tra il 2001 e il 2005: si tratta del Triumph Palace, che fu per un certo tempo il più alto d’Europa.
Tra i più significativi, l’edificio principale dell’Università statale di Mosca, il più alto, si erge sulla Collina dei passeri. L’edificio comprende un auditorium con 1500 posti a sedere, 19 sale per conferenze, 140 aule di lezione, 6000 camere per gli studenti, un club studentesco, una biblioteca, numerosi laboratori scientifici, una piscina e varie palestre. La guglia di 57 metri che sovrasta l’edificio regge una stella di 9 metri di diametro e del peso di 12 tonnellate.
C’è poi l’hotel Ucraina, oggi noto come hotel Radisson-Royal: la torre principale ha 34 piani e un’altezza di 198 metri.
La più famosa delle Sette Sorelle è l’edificio sede del Ministero degli Affari Esteri russo che conta 27 piani ed è alto 172 metri. Infine gli edifici residenziali (riservati alle élite politica e intellettuale, dove il piano e la dimensione degli appartamenti sono strettamente correlati con il posizionamento dei residenti nella gerarchia sovietica), l’hotel Leningrado e un altro edifico ministeriale.

 
Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *