I fedeli pinguini Magellano

La più grande colonia di pinguini Magellano si trova a Punta Tombo (che non riusciamo a visitare a causa dei disguidi aerei), ma piccole colonie sono sparse in vari punti della costa del Chubut e nella penisola Valdes.

Dopo aver trascorso l’inverno nelle coste del Brasile, più di duecentomila coppie di pinguini Magellano arrivano alle coste del Chubut a metà settembre per riprodursi.

I primi sono i maschi che giungono a terra qualche giorno prima delle loro compagne (sono monogami e formano coppie stabili) e cominciano a pulire e a rimettere a nuovo lo stesso nido che è stato usato l’anno prima.

Quindi aspettano riposati l’arrivo delle compagne che avverrà un paio di giorni più tardi.

La deposizione delle uova ha luogo a fine settembre e ogni femmina ne depone normalmente due, con un intervallo di circa quattro giorni fra l’uno e l’altro.

Dopo 40 giorni di incubazione, in novembre, nascono i piccoli. lunghi non più di 13 cm, pesanti 60 grammi e ricoperti di un sottile piumaggio grigio, in tutto e per tutto dipendenti dai genitori, che per tre mesi ne cureranno l’alimentazione, rigurgitando nel becco dei nati il cibo predigerito.

A dicembre i piccoli già escono dal nido e affollano la colonia, e ben presto alla peluria si sostituisce il caratteristico piumaggio bianco e nero che permetterà loro di affrontare i rigori delle acque oceaniche.

Terminata la muta annuale del piumaggio, tra la fine di marzo e l’inizio di aprile tutta la colonia abbandona la terraferma per ritornare all’oceano, dirigendosi verso nord, verso le coste del Brasile e dell’Uruguay.

Osservarli dalle piattaforme in legno costruite sopra la spiaggia in modo da non disturbare i simpatici inquilini, è uno spettacolo. Con le loro goffe corse si affannano dentro e fuori le loro “casette”, ma non mancano di soffermarsi a fare strane danze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *