Le tribù di montagna: dagli Hmong, Tay, Dao

Sono 54 i gruppi etnici presenti in Vietnam, molti dei quali risiedono nel Nord del paese, al confine con la Cina. Ognuna di queste tribù di montagna parla una sua lingua e indossa vestiti tipici; tutte insieme, rappresentano il 13,8% della popolazione vietnamita.

Tra le tribù di montagna più famose ci sono sicuramente gli Hmong. L’origine dei hmong va molto indietro nel tempo, forse fino all’ultima era glaciale. Le prime tracce della loro cultura sono conservate nelle storie che si tramandano oralmente e nei rituali funebri. Emigrati dalla Cina nel XIX secolo che sono a loro volta suddivisi in vari sottogruppi: i Bianchi, i Neri, i Rossi, i Verdi ed i Fioriti, ognuno con piccole differenze riscontrabili nei loro abiti tradizionali. 

Altro gruppo numeroso è quello dei Tay, la cui lingua scritta ha un proprio alfabeto e che si contraddistingue per la ricca produzione artistica di poesia, canzoni, musica e danze. Da segnalare ci sono poi i Dao (o Dzao) anch’essi arrivati dalla Cina e che si sono insediati in Vietnam nel XIII secolo; tuniche, foulard, gonne e corpetti delle donne Dao sono tra i più riccamente decorati. Altre tribù sono i Giay e Xao Po.

Tra le tribù di montagna del Vietnam, le donne sono autonome, libere e indipendenti e spesso sono la fonte di sostentamento dell’intera famiglia; nell’area è ancora diffuso il culto della Dea Madre, la più antica religione del Vietnam che oggi sta conoscendo nuova popolarità: si crede che le dee madre abbiano il controllo su tutto ciò che accade nel mondo e si invocano per avere salute e buona sorte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *