Del Covid-19, del Carnevale Ambrosiano, della tecnologia digitale e della responsabilità

Oggi a Milano è l’ultimo giorno di Carnevale. Solitamente da giorni le strade sono cosparse di coriandoli e il sabato grasso la festa inizia dal pomeriggio per protrarsi fino alla mezzanotte, con le maschere che entrano ed escono dai locali di Brera e dei Navigli. 29 febbraio 2020: come è facile immaginare, tutta un’altra storia. …

In conclusione, quindi, da questa emergenza possiamo trarre alcuni importanti insegnamenti, oltre al fatto che non siamo più nel 300 e non siamo neanche nel 1918 quando la famosa “spagnola” uccise milioni di persone nel mondo: la ricerca scientifica ci consentirà probabilmente di avere un vaccino entro pochi mesi e le condizioni sanitarie sono tali da ridurre la già limitata letalità del virus.

Veniamo agli insegnamenti. Prima di tutto che temi come trasformazione digitale e innovazione tecnologica vanno affrontati per tempo se si vuole che le emergenze non devastino la nostra vita quotidiana; in secondo luogo che un’informazione più consapevole, meno strillata, più interessata a “informare” che a catturare spicchi di audience avrebbe fatto un gran bene alla nostra stabilità mentale ed emotiva e alla nostra economia.

Leggi l’articolo completo su ZeroUnoWeb.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *