19 Aprile 2024
Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Un Paolini poco convincente. Peccato. Il tema poteva essere interessante: Boomers (in scena al Teatro Strehler), una generazione che, oltre a essere la mia, è la maggiore responsabile, nel bene e nel male, di quello che è oggi la nostra società.

“Quali sono le cose che hanno lasciato il segno e quali no?” era scritto nella sinossi dello spettacolo ma veramente non si capisce molto il senso delle “cose” citate da Paolini, sembra un’accozzaglia di fatti senza capo né coda. Bella l’idea del far girare il tutto intorno al “bar della Jole” dove i ricordi si mescolano al presente e il reale si intreccia con il virtuale però proprio la scelta dei ricordi, dove mancano eventi che hanno davvero segnato una generazione e, viceversa, ne sono citati altri davvero poco significativi.

Peccato. Un’occasione persa.

Dati artistici

testi di Marco Paolini e Michela Signori
consulenza alla drammaturgia Marco Gnaccolini e Simone Tempia
regia Marco Paolini
con Marco Paolini, Patrizia Laquidara
e con Luca Chiari, Stefano Dallaporta, Lorenzo Manfredini
musiche originali di Alfonso Santimone e Patrizia Laquidara
disegno luci e progetto scenografico Michele Mescalchin
fonica Piero Chinello, assistenza tecnica Leonardo Sebastiani
direzione tecnica Marco Busetto
elementi scenici Pino Perri
montaggio documenti sonori Alberto Ziliotto
grafica e foto di scena Gianluca Moretto
prodotto da Michela Signori
coproduzione Jolefilm e Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale

Durata: 100’ senza intervallo

Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *