14 Giugno 2024
Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Un po’ di divertimento ci vuole ogni tanto. E le attrici in scena in questo spettacolo ideato da Serena Dandini di risate, alcune un po’ amare, ne suscitano parecchie. In quello che è un vero e proprio varietà, alcune attrici sono decisamente al di sopra delle altre, come Rita Pelusio nell’interpretazione di una donna in carriera che si giostra la sua complicata vita al telefono, davvero esilarante. Ottima anche Cristina Chinaglia che invece se la prende con le assurdità di “50 sfumature di grigio” e mitiche Le Hostress che spiegano come comportarsi a teatro.

 

Riporto la sinossi pubblicata dal Teatro Carcano dove Serena Dandini spiega la logica dello spettacolo.

Un esplosivo format teatrale tra provocazione e comicità interamente al femminile

«Questo format teatrale vuole finalmente celebrare la “cretineria” al femminile! Un’esclamazione che può sembrare audace di questi tempi ma perfettamente in linea con la lunga strada in salita dell’emancipazione delle donne. Anche la comicità è stata da sempre un campo di battaglia in cui gli uomini hanno mantenuto ruoli privilegiati da protagonisti, relegando il sense of humour femminile a un simpatico contorno di poco valore. Virginia Woolf aveva già capito più di un secolo fa che l’umorismo era stato negato alle donne affermando che: “Le donne e i bambini sono i principali rappresentanti dello spirito comico…” quindi è arrivato il momento di riprendere in mano questo scettro. Madeleine Albright – primo segretario di stato americano – una Grande Madre che di potere se ne intende – dichiarò convinta che la vera parità sarà raggiunta solo quando una donna cretina potrà avere lo stesso incarico di responsabilità di un uomo cretino che invece è riuscito a fare comunque carriera nonostante la sua palese stupidaggine… non è un’ingiustizia? Visto che per essere accettate noi dobbiamo sempre dimostrare qualcosa, essere super-woman, laureate eccellenti, geni… con questo format teatrale vogliamo dire basta alla sindrome di Ginger Rogers che deve fare tutto quello che fa Fred Astaire ma sui tacchi e camminando all’indietro: è arrivato il momento di rivendicare la nostra stupidera.

Per secoli ci hanno dato delle cretine e finalmente possiamo deliberatamente definirci tali da sole in una serata di comicità interamente al femminile che trae ispirazione per il titolo dalla battuta del varietà “Vieni avanti, cretino!”, resa famosa dai Fratelli De Rege. È un gioco, una provocazione… perché ricordatevi dietro a una grande cretina spesso si nasconde una donna troppo intelligente per farlo vedere …».

Dati artistici

Teatro Carcano

varietà ideato e condotto da Serena Dandini

con Serena Dandini e Federica Cacciola, Cristina Chinaglia, Marianna Folli, Le Hostress, Annagaia Marchioro, Germana Pasquero, Rita Pelusio

coordinamento artistico Paola Cannatello

Produzione Teatro Carcano

Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *